Telefono: 094224159

Prostatic Specific Antigen | Laboratorio Emmi a Taormina

  • Il PSA, Antigene Prostatico Specifico, è un esame che viene utilizzato per individuare precocemente gli uomini che possono sviluppare il carcinoma della prostata, uno dei più diffusi tumori maligni del sesso maschile.

    PERCHE' SI ESEGUE

    Il PSA è una proteina presente nel sangue dell’uomo e che risulta essere elevata in presenza di tumore della prostata. E’ anche vero, però, che valori alti di PSA non sono immediatamente sinonimo di tumore della prostata. Il PSA, infatti, può aumentare anche in presenza di ipertrofia prostatica benigna o a causa di una infezione urinaria o in seguito a manovre o solleciti dell’apparato urinario per esempio, dovuti al posizionamento di un catetere. Se, comunque, i valori di PSA risultano elevati, in genere il laboratorio procede in automatico al calcolo del rapporto del PSA-totale con il PSA-free, cioè il PSA libero, analisi che viene eseguita sullo stesso siero già prelevato. Infatti, se il rapporto tra il PSA-totale e il PSA-free è ancora alterato, aumenta la probabilità che l’anomalia sia dovuta a tumore della prostata maligno e, quindi, il medico consiglierà ulteriori esami di approfondimento, come, per esempio, una ecografia transrettale e una biopsia, al fine di arrivare alla certezza della diagnosi. Per questo si tratta di un esame utile a titolo di prevenzione e consigliabile all’uomo una volta all’anno, dopo i quarantacinque anni, insieme alla visita urologica. Va ricordato che non esistono sintomi specifici del tumore del carcinoma della prostata, se non quelli dovuti all’ostruzione determinata dall’ingrossamento della ghiandola che è causa di indebolimento del getto delle urine, aumento della frequenza ad urinare sia di giorno che di notte e stimolo impellente ad urinare, sintomi che non sono distinguibili da quelli dell’ipertrofia prostatica benigna.

    COME SI FA

    Si tratta di un semplice prelievo di sangue in cui non è necessario il digiuno, anche se è consigliabile perchè in questo modo il siero è più fluido. Nelle ventiquattro ore precedenti l’esecuzione dell’analisi, è necessario non andare in bici o in motocicletta (il sellino, infatti, stimola la prostata), non avere rapporti sessuali o altri stimoli di alcun genere sulla prostata (per esempio l’esplorazione manuale rettale durante la visita dall’urologo). Tutto questo perchè se la ghiandola viene stimolata comincia a produrre PSA e, quindi, l’analisi potrebbe risultare falsata in eccesso.

    COSA SIGNIFICA

    Se il valore del PSA è inferiore al valore massimo, non vi è nulla da segnalare. Il PSA, infatti, viene prodotto normalmente dalla prostata, per cui un valore, anche se basso, di questa proteina è sempre presente nel sangue.
    Se il suo valore è uguale o superiore al valore massimo, siamo in presenza di una anomalia che potrebbe essere causata da una infezione delle vie urinarie, ipertrofia prostatica benigna oppure dal più preoccupante carcinoma della prostata. Il laboratorio in automatico verifica questo valore eseguendo il PSA-free, cioè il PSA-libero, che è la quota di PSA che generalmente circola libero nel sangue. In caso di tumore maligno il rapporto tra PSAfree e PSAtotale risulta inferiore a 0,20 per cento, mentre, se si tratta di una malattia benigna della prostata, il rapporto è uguale o superiore a 0,20 per cento.